Iscriviti: Feed RSS

Ephphetha di Giovanni Dupré (1817-1882)

Ephphetha di Giovanni Dupré (1817-1882). Vangelo: «Effatà, apriti».  “Il Vangelo racconta la guarigione di un sordomuto da parte di Gesù. L’intervento del maestro è pieno di interesse e di delicatezza. Avviene nel silenzio, tanto il sordomuto non sentirebbe nulla, ma Gesù compie gesti espressivi e comprensibili anche da lui. I numerosi particolari riportati nella descrizione della guarigione vogliono essere il segno che Gesù non mira soltanto a guarire un difetto corporale dell’ammalato, ma a dare un segno per Israele e per tutti noi.

Più volte la Scrittura parla di popolo di dura cervice che non ascolta ed è pertanto anche un popolo che non dà valide risposte alle chiamate, un popolo sordomuto.

Gesù abitualmente non fa miracoli spettacolari. Questa volta chiama il sordomuto in disparte e cerca una difficile mediazione tra la spettacolarità mondana e il segno reale per il popolo. I due contatti fisici, orecchio e lingua sono l’introduzione al rapporto con il Padre: gli occhi al cielo e il suo sospiro. Nel nome della Trinità divina la parola «Apriti» risuona come una grazia divina ad Israele e all’umanità.”
Mons. Giacomo Babini, Vescovo emerito di Grosseto. Fonte: toscanaoggi.it



PER SAPERE DI PIU’
La biografia dello scultore Giovanni Dupré

P. Tommaso Pendola

re040 (2013)
______________________________________________

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini