Iscriviti: Feed RSS

Mandella. Il fasullo interprete per sordi

Mandela: il fasullo interprete per sordi si giustifica “macche’ beffa, sono schizofrenico”. Ci sarebbe un attacco schizofrenico dietro lo strano gesticolare dell’interprete per i sordi al memoriale di Johannesburg per Nelson Mandela, in cui nessuno degli interventi e’ stato tradotto nella lingua dei segni. E’ stato lui stesso a giustificarsi cosi’ in un’intervista, spiegando che soffre di questo tipo di attacchi e che aveva preso un medicinale, ma una volta sul palco l’emozione lo ha tradito e ha cominciato a sentire voci e ad avere allucinazioni.

“Non potevo farci nulla, ero solo in una situazione molto pericolosa”, ha raccontato il 34enne Thamsanqa Jantjie al quotidiano Star, “ho cercato di controllarmi e di non mostrare cio’ che stava accadendo, mi dispiace molto, e’ la situazione in cui mi sono trovato”. Alla domanda del perche’ non avesse semplicemente abbandonato il palco, Jantjie ha spiegato che si sentiva una grande responsabilita’. “La vita e’ ingiusta, questa malattia e’ ingiusta”, ha affermato. – La vicenda resta pero’ un giallo, anche perche’ in un’altra intervista a Talk Radio 702, un’emittente sudafricana, lo stesso interprete si era definito soddisfatto della sua prestazione: “Assolutamente, si’, credo di essere stato un campione della lingua dei segni”.

Dopo le proteste della comunita’ dei sordi, anche a livello internazionale, per non avere visto tradotti correttamente i discorsi di leader conme Barack Obama e Jacob Zuma, Raul Castro e Ban ki-moon, si era aperta la caccia all responsabile di questo clamoroso flop in mondovisione. Il governo si e’ difeso afermando di non sapere chi fosse l’interprete del Soccer City stadium e l’Istituto dei traduttori ha spiegato di aver gia’ ricevuto reclami in passato per l’operato di Jantjie, ma nessuno aveva preso provvedimenti. (AGI, 12 dicembre)

 L’intervista con famosa attrice sorda Marlee Matlin

L’interprete della cerimonia di Mandela: «Se traduco male perché i sordomuti non dicono niente?»
Ogni giorno che passa mister Thamsanqa Jantjie peggiora la sua immagine. Il mondo lo ha conosciuto quando, spacciandosi per interprete per sordomuti, ha tradotto a casaccio i discorsi dei grandi della terra, Obama compreso. Dopo giorni di imbarazzo, suo e del governo sudafricano che ha permesso a un impostore di stare vicino ai leader, Thamsanqa Jantjie si è giustificato dicendo di soffriere di schizofrenia. Poi rintracciato dal Tg1 è passato all’attacco: «Ho già fatto spesso questo lavoro, se negli anni ho tradotto così male, perché i sordomuti non hanno detto niente?». La risposta magari nel frattempo sarà venuta in mente anche a lui.
Fonte: ilmessaggero.it 18 dic. 2013 – nw149 (2013)

_________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini