Iscriviti: Feed RSS

Piccola Missione per i Sordi: Orsola Mezzini sarà venerabile

Piccola Missione per i Sordi: Orsola Mezzini sarà ‘venerabile’. Diocesi: giorno importante, Padre Olinto Marella verso la beatificazione. Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le cause dei Santi a pubblicare il decreto sul riconoscimento delle virtù eroiche della serva di Dio Orsola Mezzini, della Piccola Missione per i Sordomuti. Ne dà notizia l’arcidiocesi di Bologna, spiegando che si tratta di “un passaggio importante nel processo che porta ad un’auspicata beatificazione, perché implica il riconoscimento che le virtù umane e cristiane furono vissute dalla Serva di Dio in modo eroico ed esemplare”.

La religiosa, nata a Campeggio di Monghidoro il 12 dicembre 1853 e morta a Bologna il 23 marzo 1919, “avrà così il titolo di Venerabile. Per giungere alla gloria degli altari – prosegue l’arcidiocesi – manca il riconoscimento di un miracolo, attribuito alla sua intercessione”. Orsola Mezzini “dedicò la sua vita di intenso apostolato e profonda spiritualità a servizio dei sordomuti”, aderendo nel 1874 alla Piccola Missione fondata dai fratelli sacerdoti Giuseppe e Cesare Gualandi. Seguì quindi fin dall’inizio tutte le vicende legate alla fondazione della Congregazione religiosa, di cui divenne Superiora generale, collaborando alla apertura delle comunità a Roma, Firenze e Teramo.

STORIA. Orsola Mezzini rimasta orfana di mamma nel 1856, con il papà, i fratelli, e la zia si trasferì a Bologna dove freqeuntò le scuole elementari ed attese la sua formazione umana e religiosa. Conosciuta l’Opera Gualandi per sordomuti, entrò in essa come assistente e insegnante delle alunne sordomute il 16 novembre 1874. Vi venne eletta direttrice dell’Istituto e Superiora Generale nel qual compito restò fino alla morte. Nel 1877 emise il voto privato di castità, nel 1878, la promessa di dedicarsi totalmente all’apostolato dei sordomuti, e nel 1884 l’atto eroico di supremo abbandono alla paternità di Dio.

Collaborò fattivamente alla fondazione della casa di Roma (1884), di Firenze (1885), di Giulianova di Teramo (1903). A Firenze restò dal 1885 al 1901 ed a Roma dal 1905 al 1909 quando, tornata a Bologna, dopo un decennio si spense santamente il 23 marzo 1919.

Madre Orsola fu impegnata nell’apostolato tra i sordomuti. La figura di Madre Orsola, dopo la sua morte, è rimasta per tanti anni nel silenzio e nell’ombra, come sempre aveva desiderato vivere. Ora dopo il 1986 – anno centenario della morte di Don Cesare Gualandi – è fiorita una rosa di biografie, e documentazioni.

Nel 1990 viene rivolta al Cardinale Em.mo Giacomo Biffi la supplica perché voglia dare inizio ai Processi Cognizionali per la Beatificazione e canonizzazione di Madre Orsola Mezzini, nel 1993 iniziano solennemente i processi Cognizionali a Bologna, e nel 1995 al santuario della Madonna di S. Luca, vengono chiusi.

Nei decreti promulgati il 9 dicembre 2013 da Papa Francesco si riconoscono le virtù eroiche di dieci Servi e Serve di Dio.
Si tratta di Maurizio Maria Matteo Garrigou, sacerdote, fondatore dell’Istituto di Nostra Signora della Compassione; Clemente (al secolo: Vincenzo Fuhl), sacerdote professo dell’Ordine di Sant’Agostino; Marcello della Vergine del Carmelo (al secolo: Boldizsár Marton), sacerdote professo dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi; Romano Bottegal, sacerdote professo dell’Ordine dei Cistercensi della Stretta Osservanza (Trappisti); Raffaele Cordero Molina, Laico; nato a San Juan de Puerto Rico (Puerto Rico) il 24 ottobre 1790 ed ivi morto il 5 luglio 1868; Rosalia Cadron-Jetté (in religione: Madre della Natività), fondatrice dell’Istituto delle Suore della Misericordia; Maria Rosa Teresa Gay Tibau, fondatrice dell’Istituto delle Suore di San Giuseppe ora Religiose di San Giuseppe di Gerona; Maria Oliva del Corpo Mistico (al secolo: Maria Oliva Bonaldo), fondatrice dell’Istituto delle Figlie della Chiesa; Orsola Mezzini, religiosa professa e superiora generale della Congregazione delle Suore della Piccola Missione per i Sordomuti; Scolastica della Divina Provvidenza (al secolo: Orsola Maria Rivata), religiosa professa e prima superiora generale delle Pie Discepole del Divin Maestro.

PER SAPERE DI PIU’
Suore della Piccola Missione per Sordi

Santuario di San Luca

Comune di Monghidoro

nw148 (2013)

storiadeisordi.it 1
_________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini