Iscriviti: Feed RSS

Per lo Stato italiano i sordi sono un peso, con la professionalità dei docenti diventino una risorsa

Per lo Stato italiano i sordi sono un peso: con la professionalità dei docenti diventino una risorsa
Nella vita ho sempre dovuto dimostrare di saper fare quanto i cosiddetti normali, o meglio! Come me parecchi altri sordi. Perché questo tenace impegno? Probabilmente per le carenze degli insegnanti (del MIUR) di saper insegnare con metodologie appropriate o di avanguardia la popolazione scolastica Silente.

La verità è che dall’accettazione dei sordi, dal 1977 in poi, nella scuola comune dobbiamo affermare, con amarezza, che l’inclusione non è avvenuta (forse solo nella scuola dell’Infanzia) perché giammai il ministro/a dell’istruzione si è seriamente impegnato/a per far sì che i docenti raggiungessero la competenza didattica e linguistica per fornire «il pasto culturale» (cfr R. Pigliacampo, Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo, Armando, Roma 2009) nei processi apprenditivi agli alunni e studenti sordi.

È in questa inaudita assenza del MIUR verso il sordo o l’ipoacusico (o chiamatelo come vi pare) a frenare ogni progresso culturale e professionale dei sordi.

Le grandi associazioni nazionali, alle quali lo Stato ha delegato dei compiti (cfr legge 30 ottobre 2013, n. 125) hanno operatori perlopiù non professionali per focalizzare tematiche e problematiche dell’istruzione; ecco allora che – invece di formare ottimi docenti specializzati – si decide di passare la patata bollente agli Enti Locali, che forniscono un cosiddetto «assistente tuttofare», che sarebbe, secondo i casi, di comunicazione o per altre emergenze, anche igieniche.

Tutto ciò induce a dubitare che lo Stato italiano non «sopporta» i disabili, in primis i sordi.
Renato Pigliacampo . nw90 (2014)

PER SAPERE DI PIU’
Legge n. 125 del 30 ottobre 2013

Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo

MIUR

Legge n.517 del 1977

Senatrice Franca Falcucci
______________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini