Iscriviti: Feed RSS

Istituto statale per sordi, Nidil Cgil: il Miur non fa nulla

“In merito al riordino dell’ente, a 17 anni di precariato sono seguiti sette mesi di silenzio da parte del ministro Giannini”, denuncia il sindacato

“Dopo vent’anni di precariato, ancora si attende un regolamento di riordino e una pianta organica dell’Istituto statale per sordi. I lavoratori dell’Istituto -, di cui circa la metà con disabilità gravi – hanno sempre garantito servizi essenziali all’inclusione e all’autonomia delle persone sorde, che non sono svolti da nessun altro ente pubblico. Quale assetto futuro intende dare il Miur all’Istituto statale per sordi e quale rapporto di lavoro prevede per i suoi dipendenti?” chiede Nidil Cgil al ministro dell’Istruzione, università e ricerca, Stefania Giannini.

“In mancanza di finanziamenti pubblici, l’Istituto si è mantenuto autonomamente, riuscendo anche ad aumentare i servizi offerti gratuitamente ai cittadini. Questi risultati sono stati ottenuti grazie all’impegno dei propri dipendenti. Dal luglio scorso, l’Istituto versa in gravi difficoltà finanziarie, che mettono a rischio il pagamento degli stipendi. Quali interventi finanziari ha previsto il ministero per la solvibilità degli impegni sottoscritti e per la sostenibilità dell’Istituto?”, domanda ancora la sigla Cgil.

“Il 17 marzo scorso, il ministro Giannini, in visita presso il nostro Istituto, ha personalmente e pubblicamente promesso di fornire risposte entro trenta giorni. Dopo sette mesi non abbiamo ancora ricevuto nulla. Dopo 17 anni di precariato, svolto nella totale assenza delle istituzioni, e durante il quale abbiamo garantito l’esistenza economica dell’Istituto e offerto servizi di pubblica utilità a scuole, famiglie, persone sorde e istituzioni, meritiamo rispetto e chiarezza”, conclude Nidil.

Fonte: rassegna.it

PER SAPERE DI PIU’

Istituto Statale Sordi di Roma 

Miur

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini