Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Madonna della Fontana di Crevacuore (Biella)

La storia sui santuari mariani legati ai sordomuti. Di notevoli proporzioni, il Santuario è affondato nel verde silente di una romita valletta, non lungi dalla frazione di Azoglio nel comune di Crevacuore della Provincia di Biella.
Là, nel 1534, la Madonna apparve la muta di Azoglio che fu guarita. La data appare sopra l’affresco della cappella primitiva.
I locali annessi servirono in passato anche per corsi di Esercizi spirituali (Giovanni De Carlis, 1971).

Situato a Crevacuore, nella verde Valsessera. Come tramanda la tradizione, nel 1534, una pastorella muta, pregando la Madonna raffigurata su un sasso, inglobato poi nella Chiesa, ritrovò la parola. La Chiesa, ispirata dal fatto miracoloso, probabilmente settecentesca, ha una facciata preceduta da un porticato a cinque arcate. Interessante la fontana in pietra, presenza tipica nei Santuari biellesi, posta sul piazzale antistante la Chiesa. All’interno pregevoli affreschi e opere di artisti biellesi dell’800.  (Fonte:www.atl.biella.it)

Le altre foto molto belle da vedere: www.biellaclub.it


 

  Il Santuario della Madonna della Fontana
di Crevacuore, Biella

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini