Iscriviti: Feed RSS

Moltetta. L’Istituto Apicella pronto al rilancio (Newsletter della Storia dei Sordi n. 698 del 5 giugno 2009)

MOLFETTA. L’Istituto Apicella pronto al rilancio. E’ stato un convegno all’insegna della concretezza, quello tenutosi domenica scorsa presso la Fabbrica di San Domenico a cura dell’Ente Nazionale Sordomuti.

In apertura, hanno portato i saluti, il presidente regionale e provinciale dell’ENS di Bari e poi a seguire il presidente della sezione molfettese Vito Giuseppe Poli. A moderare l’incontro il giornalista Giuseppe Pansini, che ha ricordato le tante battaglie dell’ENS per riappropriarsi dell’Istituto Apicella di Molfetta.

Le relazioni che sono seguite sono state di Mario Giallongo, che è presidente dell’Associazione Pro Apicella, che ha ricostruito il passato dell’istituto poi, il dottor Luigi Palombella, che ha ricordato la sua esperierenza di direttore didattico quando seguiva proprio gli ultimi anni di vita dell’Apicella, Santa Pierro, penultima direttrice dell’Istituto ha ricostruito anche gli ultimi sforzi per rilanciare il glorioso Istituto, mentre l’assessore provinciale Antonello Zaza ha ricostruito il progetto che prevede alcuni punti salienti.

Nello specifico la realizzazione di un Centro Audiologico e di Logopedia all’interno dell’Apicella, la realizzazione di servizi sanitari di base all’interno a cura della ASL, la realizzazione della sede regionale ENS della Puglia, del servizio Ponte (oggi a Foggia) e del centro sportivo regionale ENS. Ed ancora l’apertura al pubblico della Biblioteca Apicella e del Museo della Tipografia, l’attivazione di corsi dell’Università di Bari di audiologia, iniziative dell’ENS come formazione profesionale e inserimento mondo lavoro.

I fondi per fare tutto ciò sono stati già assegnati: trattasi di 1.650.000 euro, di fondi FERS stanziati dalla Regione Puglia per l’Apicella, che a breve, vivrà di vita nuova. Un grande passo ed una concretezza che faranno di Molfetta un polo sociale e di riferimento della Puglia e non solo.

A conclusione ha preso la parola il presidente nazionale ENS Ida Collu, che ha ribadito che il Progetto Molfetta legato all’Apicella deve passare in tempi brevi, dalle parole ai fatti ricordando le tante battaglie per il rilancio. Ha portato il saluto per il Comune di Molfetta l’assessore comunale Leo Petruzzella.

La mostra, si potrà visitare, sino all’8 maggio prossimo con testamenti, immagini ed altri inediti dell’Istituto Apicella nel chiostro della Fabbrica di San Domenico.

Ha chiuso Giuseppe Pansini, auspicando che al più presto, si possa fissare un nuovo incontro per inaugurare il “nuovo Istituto Apicella”, tra le proposte formulate nel corso dei vari interventi che si sono susseguiti, merita menzione quella del professor Franco Silvestris, ricercatore universiario a Bari e amico dell’Apicella per il grande impegno di suo padre a favore dell’Istituto, che ha proposto di allocare nell’Apicella anche un centro ricerche medico sulla sordità, annunciando che formulerà la proposta al suo Dipartimenti Universitario e quello della dottoressa Pierro che ha proposto l’istituzione di un centro ascolto per le famiglie che hanno figli sordomuti
n.698


Newsletter della Storia dei Sordi n. 698 del 5 giugno 2009

Giornata della Lingua dei Segni Settembre