Iscriviti: Feed RSS

ONU, Candidata italiana alla guida di divisione Politiche sociali

ONU: CANDIDATA ITALIANA ALLA GUIDA DI DIVISIONE POLITICHE SOCIALI

La candidata italiana Daniela Bas e’ stata nominata alla guida della Divisione per le Politiche Sociali e lo Sviluppo del Segretariato delle Nazioni Unite – Desa (Department of economic and social affairs).

La nomina, sottolinea una nota della Farnesina, ”consente al nostro paese di conquistare una posizione di vertice in uno dei principali Dipartimenti del Segretariato delle Nazioni Unite”.

”Con tale nomina – prosegue la nota – viene riconosciuta la qualita’ del contributo che, negli anni, l’Italia ha fornito, sotto il profilo sia finanziario che di risorse umane impiegate, all’ attivita’ del Desa, che promuove la coerenza fra le politiche sociali e ambientali degli Stati membri dell’Onu, con particolare riguardo allo sviluppo sostenibile, nel contesto del perseguimento degli Obiettivi del Millennio, ed ai cambiamenti climatici. Il successo di Daniela Bas e’ frutto della competenza e della professionalita’ della candidata italiana, coniugate a una capillare azione di sostegno del ministero degli Affari Esteri e della Rappresentanza Permanente a New York. La dottoressa Bas, impegnata da molti anni nel settore della protezione dei diritti umani, e in particolare in quello dell’avanzamento delle donne e delle persone con disabilita’, e’ membro del Consiglio Direttivo di Eufra (European Union Fundamental Rights Agency), e consulente per i diritti umani e le liberta’ fondamentali di numerosi Enti e Istituzioni governative”.

”A testimonianza del suo continuato impegno per i diritti della persona – conclude la nota – nel 2003 le e’ stato conferito il riconoscimento ‘Disabled Women’ da parte della Consulta Persone Disabili. In quanto giornalista professionista, ha promosso e diffuso su numerosi media nazionali il concetto di ‘turismo per tutti’. E’ stata Rappresentante della Delegazione italiana presso la Commissione Europea ‘Tourism for All – Independent living Group’, e membro della Delegazione italiana alla Seconda Conferenza degli Stati parte della Convenzione sui diritti delle persone con disabilita’ tenutasi a New York nel 2009 e nel 2010”.

red/uda/alf. Fonte: asca (3 gennaio 2011)