Iscriviti: Feed RSS

Auguri a Suor Alba Lippi per il 100° compleanno

AUGURI A SUOR ALBA LIPPI per il tuo 100° compleanno

Nella Piccola Missione per i Sordomuti, dopo il centesimo compleanno di P. Adelmo Puccetti, si sono accese 100 candeline anche per suor Alba Lippi.

È nata infatti il 12 maggio 1911 a Firenze, città dell’arte. Seconda di sei figli, a sette anni rimase orfana di padre e a 11 anni orfana anche di madre. Per questo Albina, questo il suo vero nome, ha vissuto l’infanzia in collegio, dove ha ricevuto una buona istruzione ed educazione che ha plasmato la sua forte indole.

Giovane di 20 anni, intelligente e aperta alla vita e all’amicizia era attratta dall’amore di Gesù. Ha così seguito la Sua chiamata nella vita consacrata entrando a far parte della Piccola Missione per i Sordomuti di Bologna.

Nella sua lunga vita di suora, ha svolto una ricca attività come insegnate, come maestra di lavoro (ricamo) e come superiora, in tutte le case delle Suore della Piccola Missione e dell’Istituto Gualandi.

Il suo ricordo e le sue amicizie più care sono riservate però alle persone dell’Abruzzo, specialmente di Teramo, e di Bologna dove è più lungamente vissuta.

Dovunque ha lasciato segni delle sue capacità e tuttora vi è ricordata e amata.

Ora Suor Alba si trova nella casa di riposo delle Suore della Piccola Missione, alle Roveri di Bologna, dove è oggetto di cura e di attenzioni. Ivi è stata festeggiata nel pomeriggio di giovedì 12 maggio, con una solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vicario episcopale per la vita consacrata Padre Attilio Carpin O.P., cui è seguito un momento di gioiosa fraternità con i parenti, gli amici, le consorelle e i confratelli della Piccola Missione.

“Per noi -ha affermato la sua superiora generale Madre Licia Poli sulle pagine del settimanale Bologna sette dell’8 maggio scorso- suor Alba è un vero esempio di serenità, accettazione e riconoscenza per il bene che ha ricevuto e riceve tuttora dalle consorelle e dal personale della casa di riposo”.

Il traguardo raggiunto è certamente una grazia e una benedizione del Signore concessa a lei, alla sua Famiglia Religiosa e alla comunità delle persone sorde.

Ancora tanti auguri e complimenti, cara Suor Alba!

Grazie a Dio per la vita donata a te per noi e per le tante persone, che hai servito per lunghissimi anni.
P.Vincenzo Di Blasio pms