Iscriviti: Feed RSS

Riconoscimento della Fondazione Jean Monnet al Senatore Emilio Colombo

Nell’evento del 7 ottobre 2011 il Senatore a vita Emilio Colombo, noto personaggio nel mondo dei sordi, ora 92enne, ha ricevuto la medaglia d’oro di riconoscimento per i suoi meriti nella costituzione dell’Unione Europea da parte della Fondazione Jean Monnet.

Ecco la biografia del Senatore Emilio Colombo, un vero amico dei sordi, nato a Potenza l’11 aprile 1920, è stato Deputato all’Assemblea Costituente nel 1946, poi dal 1948 al 1995, ininterrottamente, eletto in Parlamento.

Nel 1955 è nominato Ministro per l’Agricoltura, successivamente Ministro del Commercio con l’Estero e nel 1959 Ministro dell’Industria.

Dal 1970 al 1972 diviene Presidente del Consiglio dei Ministri.

Nel 1977 è Presidente del Parlamento Europeo.

Dal 1980 al 1992 è Ministro nel Governo Goria – Bilancio e Programmazione Economica – e nel Governo De Mita – delle Finanze – e successivamente Ministro degli Esteri.

Dal 1985 è Presidente dell’Unione Europea Democratica Cristiana.

Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in data 14 gennaio 2003, ha nominato l’On.le Colombo Senatore a Vita per aver onorato la Patria con altissimi meriti nel campo sociale.

La nomina a Senatore a Vita costituisce il giusto riconoscimento a quell’uomo dalle grandi qualità e ad un politico di prim’ordine che con la sua opera nel corso degli anni ha dato un grande contributo alla crescita dell’Italia.

Una vita che ha dedicato anche al servizio dei Disabili e in special modo ai Sordi Italiani.  Partecipò attivamente alle iniziative a livello nazionale organizzate dall’ENS e alle riunioni del Gruppo Interparlamentare degli Amici dei Sordi.

Nel 1972, quand’era Presidente del Consiglio dei Ministri, fu vicino alle esigenze dei Sordi, facendo adottare un provvedimento concernente un contributo straordinario all’Ente Nazionale Sordomuti, allora l’ENS era un Ente Pubblico, di lire un miliardo, (oggi equivalenti a 516.000 euro) per consentire all’Ente di far fronte agli oneri derivanti dal funzionamento della scuola specializzata per i sordi, ma anche per le questioni del lavoro, dell’assistenza sociale, ed altro che serviva all’Ente.

Quel contributo fu fortemente richiesto dal compianto Presidente nazionale dell’ENS, Vittorio Ieralla e da tutti i membri del Consiglio di Amministrazione (oggi Consiglio Direttivo) e portato all’attenzione del Presidente del Consiglio dei Ministri dal Direttore Generale dell’ENS, Cesare Magarotto.

Nel 1972 fu conferita dall’ENS, all’onorevole Emilio Colombo, una medaglia d’oro di riconoscenza, e pergamena esplicativa, in occasione di un grande Convegno promosso dall’Ente Nazionale Sordomuti e tenuto a Potenza, cui aveva partecipato un folto gruppo di delegati sordi di tutte le Regioni d’Italia.


Vittorio Ieralla consegna la pergamena ENS all’On.le Colombo

A quel Convegno parteciparono anche diversi prelati, uomini politici, autorità militari e civili, oltre ai dirigenti nazionali, regionali e provinciali dell’ENS.

La storia dei sordi ricorda sempre questo straordinario personaggio.

nw53