Iscriviti: Feed RSS

Youtube dell’Agenzia Entrate é inaccessibile

Che almeno pagar le tasse possa essere accessibile!
Il canale di YouTube “Entrate in video”, realizzato per rispondere alle richieste dei contribuenti, tramite brevi filmati in cui i funzionari del fisco illustrano le varie opportunità offerte dai servizi web, aiutano ad eseguire gli adempimenti più comuni e informano su agevolazioni e novità, manca infatti dei sottotitoli e quindi non è accessibile alle persone sorde. Si riuscirà a rimediare rapidamente?

È certamente apprezzabile l’iniziativa telematica dell’Agenzia delle Entrate, denominata Entrate in video, specifico canale di YouTube, nato per rispondere alle richieste dei contribuenti, tramite brevi video in cui i funzionari del fisco illustrano le varie opportunità offerte dai servizi web, aiutano ad eseguire gli adempimenti più comuni e informano su agevolazioni e novità.
E tuttavia, anche in questo caso – purtroppo – dobbiamo registrare un problema non certo trascurabile e che magari, a pensarci per tempo, sarebbe stato evitabile.

A segnalarcelo è il Comitato Nazionale Genitori Familiari Disabili Uditivi, che sulla questione ha anche indirizzato una lettera ad Attilio Befera, direttore dell’Agenzia delle Entrate, oltreché ad Antonella Gorret e Gualtiero Esposito, che nell’Agenzia stessa sono responsabili rispettivamente  del Settore Comunicazione e di quello della Comunicazione Multimediale e di Internet.

Una lettera sintetica, ma assai chiara e centrata soprattutto su un concetto, ovvero che «per le persone sorde è fondamentale l’utilizzo della lingua scritta». «Se infatti – viene puntualizzato dal Comitato – la persona sorda oggi può (e la società deve garantirlo) superare l’handicap dato dall’assenza della lingua», la stessa persona sorda è «purtroppo sempre soggetta alla disabilità data dall’impossibilità di udire, di parlare al telefono, di poter ascoltare un video. Quindi, le persone sorde rimangono escluse – de facto – da tutte quelle attività e servizi che vengono svolti e/o erogati tramite call center telefonico e/o video senza sottotitoli».

Per tutto questo, quindi, Entrate in video è sostanzialmente un servizio non accessibile alle persone sorde, «nonostante che oggi – viene sottolineato dal Comitato – le nuove tecnologie permettano, a costo zero, di inserire i sottotitoli in ogni video, indispensabili per una piccola fascia della popolazione, ma che possono rendere la vita più facile a tutti quelli che li vogliono scegliere in aggiunta alla voce narrante del video».

«Noi non stiamo chiedendo una strada diversa – è la conclusione della lettera – ma semplicemente atti di progettazione inclusiva e universale, pari diritti e pari doveri, nel rispetto dell’articolo 3 della Costituzione, della Legge Quadro 104/92 sulla disabilità e sulla base della Legge 67/06, che tutela le persone con disabilità da ogni discriminazione».

Provvederà, quindi, l’Agenzia delle Entrate, a rispondere positivamente a tali legittime richieste? Speriamo di poterlo riferire presto ai Lettori. (S.B.)

Fonte: superando.it  –  nw145 – 3 ottobre 2012

TESSERA SANITARIA SU YOUTUBE CON IL SERVIZIO DEI SOTTOTITOLI GIA’ ATTIVATO DAL 5 OTTOBRE.
GRAZIE ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE PER LA PROPRIA SENSIBILITA’ SULLA QUESTIONE DELL’INFORMAZIONE “VISIVA” A FAVORE DEI CONTRIBUENTI PRIVI DELL’UDITO CHE AVEVANO SEGNALATO LA “RICHIESTA” DI ATTIVARSI.
PER ATTIVARE I SOTTOTITOLI CLICCANDO “CC” (ICONE COLOR ROSSO) POI SCEGLIE QUALE LINGUA DEL NOSTRO PAESE.