Iscriviti: Feed RSS

La lingua dei segni italiana. La comunicazione visivo-gestuale dei sordi.

La lingua dei segni italiana. La comunicazione visivo-gestuale dei sordi, a cura di Virginia Volterra. Edizione Il Mulino. Un testo noto e ampiamente adottato nei corsi di insegnamento della Lingua dei segni italiana, ormai introvabile
e negli ultimi tempi sollecitato non solo da docenti, ricercatori e operatori, ma anche dalla stessa comunità dei sordi, tra i quali il libro che viene indicato come “il libro con la cornice verde”, rimandando alla originaria copertina della prima edizione.
Prima descrizione sistematica della lingua dei segni usata in Italia, questo volume rappresenta un importante strumento didattico volto a favorire la corretta diffusione della LIS tra gli udenti, e al tempo stesso un punto di riferimento della stessa comunità sorda, contribuendo a creare una maggiore sensibilizzazione e consapevolezza della lingua dei segni, sistema linguistico a tutti gli effetti, in grado di esprimere qualsiasi messaggio e dotato di una propria struttra lessicale, morfologica e sintattica.
Da febbraio 2004 “La lingua dei segni italiana” è nuovamente disponibile nelle migliori librerie.

La lingua dei segni italiana. Le persone sorde ricorrono a una forma di comunicazione gestuale molto diversa da quella degli udenti. Non si tratta di mimica o pantomima, ma di una vera lingua, una lingua dei segni, con un lessico sofisticato e una grammatica complessa, in grado di esprimere qualsiasi messaggio. Ciascuna comunità dei sordi tramanda da una generazione all’altra una sua lingua, per cui non esiste una lingua dei segni universale, ma tante diverse (francese, americana, britannica, spagnola, ecc.) quante sono le comunità di sordi. Questo libro contiene la prima descrizione sistematica della lingua dei segni usata delle persone sorde in Italia, denominata Lis. Il volume , qui presentato in una edizione aggiornata, é indirizzato non solo a coloro che sono direttamente impegnati nelle problematiche della sordità e dell’educazione dei bambini sordi, ma anche a ricercatori e studiosi interessati alle tematiche più generali della comunicazione e del linguaggio e, infine, a chiunque desideri conoscere la ricca seppure minoritaria realtà linguistica e culturale dei sordi.

Virginia Volterra, dirigente di ricerca presso l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche, coordina da diversi anni progetti sull’acquisizione e lo sviluppo del linguaggio in condizioni tipiche e atipiche. E’ autrice di numerosi pubblicazioni a livello nazionale ed internazionale in ambiti diversi: linguistica, psicolinguistica, psicologia dello sviluppo, neuropsicologia. Le sue ricerche pionieristiche sulla lingua dei segni hanno contributo ad una più approfondita conoscenza e ad una corretta diffusione di questa lingua in Italia.

rc038 (2004)