Iscriviti: Feed RSS

Un sms per la vita. Servizio di emergenza della Polizia di Stato di Salerno dedicato ai sordi (Newsletter della Storia dei Sordi n.379 del 12 dicembre 2007)

Un servizio d’emergenza dedicato ai cittadini non udenti attivo 24 ore su 24, è il progetto che questa mattina è stato presentato nel corso di una conferenza stampa presso il salone dei Marmi del comune di Salerno alla presenza del sindaco Vincenzo De Luca, del questore Vincenzo Roca e del presidente della sezione provinciale dell’Ente nazionale sordi (Ens).

Un sms per la vita” questo il nome del servizio consente la richiesta di intervento con un messaggio sms o via fax, da parte di un cittadino sordo che, in questo modo, ha la possibilità di interagire con gli operatori della sala operativa della questura di Salerno in caso di emergenza.

È stato installato presso la sala operativa un telefono cellulare con numero dedicato esclusivamente per i minorati dell’udito e della parola, sul quale gli stessi possono far pervenire le richieste di “aiuto” tramite messaggi sms codificati in relazione al tipo di soccorso richiesto. La richiesta d’intervento può essere inoltrata anche tramite fax, utilizzando un apposito stampato.

Una volta ricevuto il messaggio o il fax, l’operatore di polizia, nella fase esecutiva, coinvolgerà, di volta in volta, gli organi istituzionali e le associazioni di volontariato (Forze dell’ordine, Vigili del fuoco, Polizia municipale, Servizi di Pronto soccorso, ecc.) che operano sul territorio e che hanno competenze specifiche o di supporto per eventi di pubblica emergenza.Per spiegare i dettagli del servizio, e’ stato realizzato un opuscolo, una serie di vignette che illustrano le diverse tipologie di messaggi, codificabili numericamente in base al tipo di emergenza.

Nel corso della manifestazione è stato proiettato un breve filmato che riproduce una fiction, girata da personale della polizia scientifica locale, con la collaborazione di alcuni soci della Sezione provinciale dell’Ente nazionale sordi, trasformatisi, per l’occasione, in attori dilettanti. In particolare, nel filmato sono rappresentate due scene: nella prima, l’emergenza è causata dal malore di una casalinga, intossicata da una fuga di gas sprigionatasi da un fornello della cucina; nella seconda è un centauro ad avere necessità di soccorso, in seguito ad un incidente stradale.

“Un sms per la vita” e’, quindi, un nuovo servizio che si affianca ad altri – come la ‘denuncia a domicilio’, la ‘denuncia via web’ ed il ‘Commissariato online’ – per favorire l’interazione con gli uffici della Polizia di Stato.

Fonte: Questura di Salerno – nw379

Conferenza stampa
Questa mattina, alle ore 11.00, presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno, il Questore di Salerno, Vincenzo Roca ed il Presidente della Sezione Provinciale dell’Ente Nazionale Sordi di Salerno, Giuseppe Corsini, alla presenza delle Autorità locali, hanno presentato il progetto “SMS per la Vita”, servizio d’emergenza dedicato ai sordi, in funzione 24 ore su 24, firmando contestualmente il progetto, realizzato anche con la collaborazione del Comune di Salerno.
Si tratta di un nuovo servizio che consentirà la richiesta di intervento, tramite un semplice messaggio sms o via fax, da parte di un cittadino sordo che, in caso di necessità, non avrebbe altrimenti la possibilità di interagire con gli operatori della Centrale Operativa “113” della Questura di Salerno.
E’ stato installato, infatti, presso la Centrale Operativa, un telefono cellulare, con numero dedicato esclusivamente per i minorati dell’udito e della parola, sul quale gli stessi possono far pervenire le richieste di “aiuto” tramite messaggi sms codificati in relazione al tipo di soccorso richiesto.
La richiesta d’intervento potrà essere inoltrata anche tramite fax, utilizzando un apposito stampato. Ricevuto il messaggio o il fax, l’operatore di Polizia, nella fase esecutiva, coinvolgerà, di volta in volta, gli organi istituzionali e le associazioni di volontariato (Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Servizi di Pronto Soccorso, ecc.) che operano sul territorio e che hanno competenze specifiche o di supporto per eventi di pubblica emergenza.
Per una più semplice comprensione della procedura, è stato realizzato un opuscolo, contenente una serie di vignette che illustrano le diverse tipologie di messaggi, codificabili numericamente in base al tipo di emergenza, proiettato sullo schermo luminoso e commentato da un membro del Comitato Nazionale Giovani Sordi Italiani.
Nel corso della manifestazione, svoltasi in un clima di empatia e di attenta partecipazione degli invitati, è stato proiettato un breve filmato contenente una fiction, che illustra le modalità di accesso al servizio di emergenza, girata da personale della locale Polizia Scientifica, con la collaborazione di alcuni soci della Sezione Provinciale dell’Ente Nazionale Sordi, trasformatisi, per l’occasione, in attori dilettanti.
In particolare, nel filmato sono rappresentate due scene: nella prima, l’emergenza è causata dal malore di una casalinga, intossicata da una fuga di gas sprigionatasi da un fornello della cucina; nella seconda è un centauro ad avere necessità di soccorso, in seguito ad un incidente stradale.
Nel suo intervento, il Questore ha sottolineato il fatto che l’importante iniziativa ricalca la linea dei nuovi moduli operativi della Polizia di Stato: Polizia di Prossimità, da un lato e Sicurezza Partecipata, dall’altro, tesi entrambi a configurare una Polizia legata al territorio, più vicina alla gente, orientata a conoscerne meglio i bisogni, e capace di intervenire in modo più efficace su numerosi problemi, in collaborazione con altre istituzioni e con gli stessi cittadini, al fine di migliorare la qualità della vita.
Il Presidente della sede salernitana dell’E.N.S. ha affermato che con questa iniziativa intende ulteriormente abbattere le barriere della comunicazione, offrendo la possibilità ai sordi di poter agire autonomamente. Il nuovo servizio si affianca al “ponte telefonico per sordi”, realizzato in collaborazione col Comune di Salerno, ed al “ponte mobile per anziani sordi”, realizzato col decisivo apporto dell’Assessorato ai Trasporti della Provincia di Salerno.
L’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno, Ermanno Guerra, in rappresentanza del Sindaco di Salerno, nel suo intervento ha rimarcato l’impegno strutturale del Comune di Salerno, a sostegno dell’attività della Sezione Provinciale dell’E.N.S. attraverso la promozione delle nuove tecnologie necessarie per favorire la piena integrazione sociale e culturale dei non udenti.
L’Assessore, inoltre, ha manifestato la piena soddisfazione per la sinergica collaborazione tra il Comune e la Questura di Salerno, per il sostegno allattività dell’E.N.S., ed ha concluso il suo intervento affermando di essere orgoglioso di appartenere alla comunità salernitana, capace di realizzare simili iniziative, che rappresentano un esempio da seguire per le altre città italiane.
Sono intervenuti, inoltre, il Dott. Pietro Donniacuo, Dirigente della locale Prefettura, in rappresentanza del Prefetto di Salerno, il Consigliere nazionale E.N.S., Angelo Santoro, il Presidente regionale dell’E.N.S., Camillo Galluccio ed il Responsabile dell’Associazione “Famiglia Sordi”, Salvatore Sileo, Tenente Colonnello dell’Esercito Italiano.
Maurizio Trevisan, Dirigente dell’agenzia di riscossione crediti E.T.R. – Equitalia, e Gabriella Zaccaria, Direttore dell’I.N.P.S. di Salerno hanno informato i presenti sull’apertura di sportelli informativi per sordi, presso la sede provinciale dell’E.N.S., in piazza S. Agostino a Salerno.
La manifestazione si è conclusa con lo scambio di gagliardetti tra il Questore, il Presidente dell’E.N.S. e l’Assessore alle Politiche Sociali, tra gli applausi del numeroso pubblico; applausi sonori quelli degli udenti, a gesti quelli dei sordi presenti in sala, che hanno sollevato le mani agitandole gioiosamente.
R.T. Fonte: Questura di Salerno 11.12.07


Newsletter della Storia dei Sordi n.379 del 12 dicembre 2007