Iscriviti: Feed RSS

VedoVoci. Associazione Genitori Bambini Sordi Onlus. Comunicato

Associazione Genitori Bambini Sordi Onlus Comunicato

È sempre più incomprensibile l’urlo che si leva da parte del “Comitato nazionale genitori familiari disabili uditivi”, da poco nato: per contrastare la proposta di legge n. 4207 “Disposizioni per la promozione della piena partecipazione delle persone sorde alla vita collettiva”, come loro stessi dichiarano nel loro sito.

Codesto Comitato, di cui non si conoscono i componenti, lo statuto e l’atto costitutivo, redige comunicati contro il riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana.

È paradossale come quelle che indicano come priorità, corrispondano esattamente alle cose che vuole ogni genitore con un bambino sordo:
1. Screening uditivo neonatale.
2. Sostegno alla famiglia.
3. Protesizzazione o Impianto cocleare
4. Precoce intervento logopedico.

Infatti qualsiasi genitore, sordo o udente che sia, desidera che il proprio bambino sordo possa parlare.

A parità di interventi logopedici, ci sono bambini con sordità profonde che parlano bene, altri con sordità leggere che parlano male, sia che siano protesizzati o impiantati, sia che usino la LIS o non la usino. Non esiste un “metodo perfetto”. Se esistesse, la sordità sarebbe debellata.

Ma non è così.

Un’altra cosa che accomuna tutti i genitori con figli sordi, è lo “sconcerto”, la sofferenza, davanti alla scoperta della sordità.

E l’ansia, l’ansia di dover scegliere per il proprio figlio.

Le scelte, sopratutto se così sofferte, vanno rispettate.

I componenti del novello “Comitato nazionale genitori familiari disabili uditivi”, parlano della Lingua dei Segni in termini riduttivi declassandola ad una sorta di pantomima, mostrandosi ignoranti, a bella posta, degli studi scientifici degli ultimi trenta anni che descrivono la rilevanza psicologica, pedagogica e neuro-psicologica della Lingua dei Segni.

Gli studi sull’apprendimento linguistico dei bambini nati sordi hanno mostrato che quelli esposti alla lingua dei segni in età precoce raggiungono un livello di competenza linguistica migliore anche per quanto riguarda la lingua parlata.

Le considerazioni dell’esordiente comitato sono offensive nei confronti di chi opera scelte educative diverse dalle loro.

La nostra Associazione Vedo Voci, opera da 17 anni sul territorio nazionale, nel trasparente spirito del volontariato. I nostri figli sono bilingui a tutti gli effetti, fanno parte sia del mondo udente che di quello sordo. Usano la lingua dei segni in alcuni casi e quella orale in altri; sanno insomma comunicare in modo soddisfacente col mondo che li circonda, e possono relazionarsi culturalmente al mondo degli udenti e dei sordi. E tutti hanno risultati scolastici sorprendenti.

Tuttavia, rispettiamo la scelta educativa delle famiglie orientate alla esclusiva comunicazione orale-uditiva.

Non si capisce perché, invece, entità quali il “comitato nazionale genitori familiari disabili uditivi”, pretendano d’imporre la loro scelta alla stragrande maggioranza dei sordi che utilizzano con successo la LIS come modalità naturale di comunicazione, di apprendimento e d’inclusione sociale, negando loro il riconoscimento della Lingua dei Segni.

Non è provato che un bambino educato con la sola comunicazione orale, abbia un futuro migliore di quello educato con il Bilinguismo (Italiano/Lis). E non vogliamo neanche affermare il contrario, ma siamo sicuri del fatto che un bambino in difficoltà ha bisogno di tutti gli strumenti immaginabili, TUTTI, compresa la possibilità di usare la Lingua dei Segni

È sacrosanto per tutti poter accedere alla conoscenza e se questo avviene con un approccio globale, è sicuramente più efficace.

Stupisce anche l’affermazione del debuttante “comitato nazionale genitori familiari disabili uditivi”, circa le voci di spesa addirittura sostenendo che gli insegnanti di sostegno verrebbero sostituiti dagli interpreti. Evidentemente ignorano qual’è la prassi per le assunzioni degli insegnanti di sostegno. Ed ignorano anche che in realtà come quella della scuola di Cossato, si attua un notevole risparmio proprio nell’utilizzo degli insegnanti di sostegno, impiegandone uno solo per più alunni.

Azzardano un “calcolo approssimativo” di 200 milioni di Euro.
Ma su che base? Con quale documentazione?

Sostengono che il riconoscimento della Lingua dei Segni è in contrasto con l’art. 3 della Costituzione Italiana, che sancisce l’uguaglianza e la pari dignità sociale di tutti i cittadini davanti alla legge.

E perché mai? E’ vero il contrario: L’attuazione del pdl n.4207 darebbe alle persone sorde che usano la LIS (la maggior parte dei sordi italiani!) la possibilità di rientrare a pieno titolo nelle finalità dell’art. 3 della Costituzione Italiana.

Le nostre richieste
Vedo Voci, Associazione genitori bambini e ragazzi Sordi, ONLUS chiede:

• Di promuovere la rimozione delle barriere che limitano la partecipazione delle persone sorde alla vita collettiva con il riconoscimento della Lingua dei Segni, nell’ambito delle finalità della legge 5 febbraio 1992, n. 104, rivolta a garantire il rispetto della dignità umana e dei diritti di libertà, di autonomia e di indipendenza delle persone con disabilità, assicurandone la piena integrazione nella vita sociale, economica, politica e culturale del Paese.

• il rispetto della Costituzione italiana e in particolare dell’articolo 3 e in virtù della ratifica con legge 3 marzo 2009, n.18, della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, fatta a New York il 13 dicembre 2006:
a) promuovendo l’acquisizione e l’uso da parte delle persone sorde della lingua orale e scritta;
b) riconoscendo la Lingua dei Segni Italiana (LIS) e promuovendone l’acquisizione e l’uso;
c) promuovendo la ricerca scientifica e tecnologica per la definizione di buone pratiche fondate sulle evidenze scientifiche, anche in relazione agli impianti acustici e alle tecnologie necessari per la comunicazione e l’accesso all’informazione;
d) promuovendo inoltre la ricerca scientifica e tecnologica in ambito linguistico, sanitario, psicologico, educativo e sociale relativa alla sordità, alla LIS e al suo uso;
e) promuovendo la diffusione degli interventi diagnostici precoci e l’attivazione degli interventi riabilitativi per la sordità congenita o acquisita.

Riconoscere la Lingua dei Segni, come già fatto molti Stati europei ed extra europei, e diverse amministrazioni regionali in Italia, è un atto di civiltà.

Melania Vaccaro. Presidente VedoVoci
nw019

Pubblicita storia sordi