Iscriviti: Feed RSS

Granville Redmon, il sordo che ha insegnato la lingua dei segni a Charlie Chaplin

Granville Redmon: il sordo  che ha insegnato la lingua dei segni a Charlie Chaplin

I suoi primi anni
Granville Richard Seymour Redmond nacque a Philadelphia, in Pennsylvania, il 9 marzo 1871. All’età di circa 3 anni ha avuto una infezione dovuta alla scarlattina; e quando ha recuperato si è ritrovato ad essere sordo. Questo ha spinto la sua famiglia a trasferirsi dalla costa orientale degli USA  sino a San Jose, in California, per dare la possibilità  a Richard di frequentare una scuola adatta alla sua formazione, iscrivendolo alla Scuola per sordi Berkeley.

Richard Redmond  è stato così istruito presso la  scuola per sordi di Berkeley dal 1879 al 1890, dove ha potuto sviluppare i suoi talenti artistici, che anzi sono stati incoraggiati in particolare dal suo maestro di disegno,  pittura e pantomima, Teofilo d’Estrella, pure lui sordo, che lo ha convinto, dopo il diploma in quella scuola di Berkeley a proseguire gli studi artistici presso la California School of Design di San Francisco, dove ha avuto,  per tre anni  dei valenti insegnanti quali Arthur Frank Mathews e Amedee Joullion, ottenendo il massimo riconoscimento, consistente nella medaglia di eccellenza “W. E. Brown”.

Alla Scuola di design della California, Redmond  aveva fatto conoscenza con altri artisti famosi, tra cui Gottardo Piazzoni e Giuseppe Cadenasso, coi quali ha dipinto i viaggi in giro per la California. Piazzoni ha pure imparato l’American Sign Language e sono rimasti amici per tutta la vita.

Nel 1893, Redmond ha vinto una borsa di studio  dalla Suola della California che gli ha permesso di trasferirsi in Europa, a Parigi, e studiare alla Académie Julian, con i maestri Jean-Paul Laurens e Benjamin Constant.

Presso l’Académie Julian,  Redmon divide un bilocale con lo scultore Douglas Tilden, pure questi sordo e, come lui, laureato alla California School per Sordi.

Nel 1895 a Parigi un suo dipinto,” Matin d’Hiver”, è  accettato al Salon di Parigi, una mostra periodica che si teneva al Louvre parigino.

Ritorno in California e conoscenza con Chaplin
Nel 1898, Redmond  fa ritorno in California e si stabilisce a Los Angeles, dove ha dipinto molte scene della spiaggia, a Laguna Beach, Isola Catalina, San Pedro. Egli si è sposato nel 1899 con Carrie Ann Jean, una sorda laureata alla Scuola per sordi dell’Illinois, dalla quale ha avuto tre figli, non è nota se fossero sordi anche loro.

Mentre viveva a Los Angeles, Redmond stringe amicizia con Charles Chaplin, aiutandolo a perfezionare le sue tecniche di pantomima, che Chaplin poi utilizzato nei suoi celebri film muti, e l’attore ha ricambiato acquistando diversi dipinti e sponsorizzando l’artista Redmond mettendolo in contatto con  artisti famosi quali Elmer Wachtel e Norman St. Clair, coi quali l’artista sordo ha pure effettuato diverse mostre, sia a Los Angeles, sia a San Francisco e altrove.

Nel 1905 Redmond ha ricevuto un notevole riconoscimento come pittore di paesaggi e in grassetto colorista. La sua arte è stata a volte accomunata al fauvismo, la  “gioia di vivere” di Matisse; egli amava soprattutto dipingere i paesaggi e la pittura con i fiori e dark, moody’S scene. Morì il 24 maggio 1935 a Los Angeles.

(traduzione dall’inglese di Marco Luè)

PER SAPERE DI PIU’

Sito ufficiale Charlie Chaplin

Charlot e un sordomuto disabile

Charlie Chaplin 1889-1977 storia dei sordi